Un nuovo (grande) polo per le energie rinnovabili

Dal passaggio di capitale tra Edison, F2i e EDF Energies Nouvelles nasce e2i, il terzo operatore del mercato italiano di energia prodotta da fonti pulite. Esperienza, competenze e solidità finanziaria le caratteristiche della nuova realtà.

28 gennaio 2016

Il comparto delle energie rinnovabili in Italia si consolida e cresce sempre di più. Grazie alla nascita di e2i, un nuovo polo per la produzione di energia pulita: il terzo operatore del settore, con una capacità installata di circa 600 MW proveniente prevalentemente da energia eolica. Gli asset produttivi della nuova società sono quelli di EDENS, Edison Energie speciali, e di una parte degli impianti di EDF Energie Nouvelles Italia.

La nascita e la strategia della nuova realtà

Questa “alleanza” fa leva sulle competenze industriali e finanziarie delle tre società partner: il 70% della nuova società è detenuto da F2i mentre il restante 30% è in mano a una holding partecipata da Edison ed EDF Energies Nouvelles, della quale Edison detiene l’83% e EDF Energies Nouvelles il 17%. EDF EN Service Italia una management company, che fa capo al gruppo EDF e si occupa dei servizi di Operation & Maintenance per il nuovo polo dell’energia.

 

L'eolico si rinnova Innovazione e rispetto del territorio
L’eolico si rinnova
Innovazione e rispetto
del territorio

I vantaggi del nuovo polo energetico

Sulla base dell’innovativo modello di business Edison, ritira l’energia prodotta dal nuovo polo delle rinnovabili ottimizzandola poi con il proprio portafoglio produttivo, mentre la management company assicura la gestione degli asset secondo le migliori tecniche operative di settore e in accordo con le certificazioni OHSAS 18001 per la sicurezza e ISO 14001 per l’ambiente, garantendo altresì la disponibilità produttiva degli impianti . Questo approccio permette di beneficiare delle competenze industriali e operative già esistenti e di contenere i rischi di mercato e operativi della nuova società. L’operazione consente di valorizzare le competenze professionali esistenti e di confermare gli attuali livelli occupazionali, in linea con le politiche di Edison e F2i.