Noi restiamo qui

Enercon è una delle maggiori aziende tedesche produttrici di turbine eoliche. Oltre a fabbricarle, ne garantisce la manutenzione dopo l’installazione: per questo, i furgoni bianchi con il logo Enercon che si arrampicano sulle (curatissime) stradine sterrate qui sono una presenza costante. In Abruzzo, Enercon occupa 28 persone, tutte del posto: a coordinarle è Antonio di Domenica, che le pale le ha viste costruire.

«Ho iniziato a lavorare nel 2000, quando Enercon ha installato gli impianti. Poi sono passato a occuparmi della manutenzione», conferma. E adesso? «E adesso sto in ufficio», risponde con un mezzo sorriso, non si capisce quanto soddisfatto per le accresciute responsabilità e quanto invece dispiaciuto per la perdita del rapporto con l’ambiente naturale circostante.
Antonio ha le idee chiare: i parchi eolici hanno portato tanti benefici alla zona. Energia pulita, certo, ma non solo: anche occupazione. «Noi siamo 28 persone: 28 famiglie che vivono qui, a Castiglione Messer Marino e nei dintorni, che non hanno dovuto andarsene per trovare un lavoro». E poi c’è tutta un’economia collegata, un indotto fatto di piccole, piccolissime imprese che – però – per la comunità locale sono importanti. «Il ristorante, l’albergo, il bar, il tabaccaio, il macellaio. Qui vengono tante persone da fuori, grazie all’eolico, e i paesi vivono».

E poi c’è la sicurezza. «Quando andiamo in giro a fare manutenzione agli impianti ci capita di vedere strade interrotte, buche o altri problemi e lo segnaliamo immediatamente». In questo modo, spiega Antonio, il territorio è molto più controllato, perché gli impianti devono essere sempre accessibili e di conseguenza le strade e i sentieri sono sempre curati. Strade e sentieri che portano agli impianti eolici ma che, è bene ricordarlo, sono aperti al pubblico e si snodano spesso in zone di grande bellezza paesaggistica, veri paradisi per gli innamorati del trekking.

Antonio di Domenica
Antonio di Domenica
Coordinatore squadre di manutenzione Enercon